CompleAnna 4 – una festa a tema Paw Patrol

È il 27 agosto: il compleAnna!

La nostra tradizione vuole che i compleanni dei bambini vengano festeggiati a casa dei nonni visto che hanno la fortuna (quando c’è da organizzare una festa, o sfortuna quando c’è da pulire dopo una festa) di avere un ampio spazio in giardino che offre la possibilità di sbizzarrirsi un po’.

Feste possibilmente a tema e così dopo i pasticci di colore Anna in stile “Pollock” , il circo e i pirati per il quarto compleanno ci siamo orientati sui PAW PATROL cartone preferito di Anna (e ormai anche di Giorgio).

Tutto è nato quando Marta, nel tentativo di orientare Anna ad accettare un tema da lei proposto, quel furbetto di Enrico ha suggerito proprio il cartone animato, estasiando Anna, innervosendo Marta, e sollazzando Enrico visto che nonostante l’idea proposta sapeva di essere escluso dai preparativi per le sue scarse capacità organizzative.

img_8164

img_8143

Obbligatorio gonfiare un centinaio di palloncini che abbiamo decorato a mano, utilizzando un pennarello indelebile, con simpatiche zampette, abbiamo dipinto anche qualche impronta con i gessi colorati dal cancello al giardino dove abbiamo giocato per segnalare il percorso da seguire e appeso i vari personaggi (stampati su carta A3 e poi incollati su cartoncino per irrigidirli) lungo la siepe e sugli alberi.

img_8171 dsc_6503

Special guest la mitica zia Sara che riesce sempre a intrattenere i bambini con qualche gioco. Entrare nel personaggio non è stato poi cosi difficile, un casco da cantiere colorato di rosso con due orecchie da Marshall incollate ai lati è riuscita subito ad attirare l’attenzione dei più piccoli. Ogni anno, tra amicizie “storiche”, asilo e attività i bambini aumentano sempre più e con loro le preoccupazioni: speriamo che questo faccia il bravo, speriamo che questa non si faccia male, speriamo che Giorgio non ammazzi nessuno con i suoi morsi o pizzicotti. Per la prima volta ci siamo trovati a gestire 15 bambini.

Il giardino offre già uno svago dove muoversi liberamente e correre dietro a un pallone ma forse non è sufficiente, i bambini sono esigenti e hanno bisogno di stimoli. Non sono certo come gli adulti che trovano spesso sollievo appena scorgono una sedia e magari 2 pizzette e un prosecchino e così abbiamo pensato a 2 giochi, sul semplice e tradizionale per un adulto, ma mai banale per un piccolino.

dsc_6400

Per prima cosa la zietta ha bendato un bambino alla volta che alla cieca doveva provare a posizionare il più correttamente possibile il simbolo di Marshall, il pompiere del gruppo PAW PATROL; tutti volevano provare e tutti ridevano nel vedere “fallire” l’amichetto. Forse il gioco sarebbe riuscito meglio se invece di ridere e confondere avessero tutti aiutato il compagno bendato dando indicazione precise su dove appiccicare il cartoncino, ma se lo scopo era ridere insieme abbiamo avuto un buon successo.

Il secondo gioco è stata la tradizionale pentolaccia, ovviamente a forma di osso, piena di caramelle.

E bisogna dire che non ci sono più i bambini di una volta, tutti, una volta rotto il sacchetto, si sono “accontentati” di 5-6 tra caramelle e cioccolatini… dove sono finiti i bambini che facevano indigestione di cioccolato? Diete a parte dare bastonate a un sacchetto è sempre divertente, meno se per controllare che nessuno si faccia male per caso passi dietro al bambino che sta caricando il colpo proprio nel momento sbagliato… meglio un colpo a Enrico che a un bambino, è stato il nostro primo pensiero.
dsc_6331 dsc_6327 dsc_6326

Anche sul cibo abbiamo cercato di seguire la linea paw patrol (popa come li chiama Giorgio) e cosi i biscotti erano a forma di osso, i muffin a forma di zampa, i marshmallow posizionati in una ciotola per cani (fatta con cartoncino). Ovviamente anche la torta di compleanno era a forma di osso: molto semplice, senza troppe decorazioni piene di coloranti o schifezzine varie. Come spesso capita preferiamo inserire noi delle decorazioni stampando quello che si vuole su dei cartoncini, attaccandole a stuzzicadenti lunghi in modo da posizionarli facilemente sulla torta, per poi scattare le solite 2-300 foto di rito.

dsc_6498 dsc_6621 Bambini coi musi a casa non ne sono andati, Anna ha ricevuto i suoi nuovi giochi così da riempiere sempre più casa, Giorgio ha visto con soddisfazione tanti nuovi giochi da spargere per tutta e casa, Marta ha realizzato quanto gridare dovrà fare per far andare d’accordo i due fratelli e Enrico ha calcolato quanto tempo in più ci vorrà la sera per mettere in ordine casa… dopo tutto siamo I TASSISTRO…

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *